Combattere le allergie

allergia-starnutoLacrimazione, congestione nasale e un forte prurito che arriva ad interessare anche la gola e il palato: sono sintomi di allergia, magari stagionale, ma non per questo meno fastidiosa. Da maggio a settembre l’allergia è in continuo agguato e il numero di coloro che ne soffrono è in costate aumento. Ambrosia innanzitutto, ma anche graminacee e funghi, sono i principali responsabili del tormento che comporta un malessere generale e una sensazione di affaticamento con riduzione drastica dell’olfatto.

Come curarsi? Con gli antistaminici, certo, o addirittura i cortisonici se si è lasciata correre l’allergia per troppo tempo. Anche l’omeopatia offre dei rimedi per contrastare le secrezioni mucose, il gonfiore degli occhi. Ma se vogliamo prevenire il fenomeno dobbiamo ricorrere al vaccino, da assumersi dopo ovviamente essere sicuri di aver individuato esattamente l’allergene.

Il vaccino, iniettato sotto la pelle o ingerito per assunzione sublinguale, ha il vantaggio di ridurre con il tempo il peggioramento dei sintomi.  Tutti conosciamo il meccanismo dei vaccini che consiste appunto nell’assunzione di una minuscola quantità della sostanza che scatena la reazione allergica. Naturalmente va assunto sotto controllo medico perché ad ogni somministrazione si possa aumentare adeguatamente la dose di allergene, così che l’organismo vi si abitui, il sistema immunitario li tolleri, desensibilizzandosi.

Il vaccino è raccomandabile:

  • a coloro che soffrono di asma
  • a coloro a cui i farmaci scatenano effetti collaterali
  • a coloro a cui l’interazione con altri farmaci obbligatori desta problemi
  • a chi è allergico alle punture d’insetto

screenhunter_507-sep-14-14-07Non sottovalutiamo dunque le allergie stagionali e i disturbi connessi all’elevato grado di allergenicità di piante come l’ambrosia, ad es., che ha un prolungato periodo di fioritura con abbondante produzione di fiori. Il loro polline di fatto si diffonde per quasi metà anno (da maggio a ottobre), ed è in grado di disturbare notevolmente le basse vie respiratorie.

Teniamoci informati sulla situazione nelle nostra regione con il Bollettino dei pollini.

Share This Post On