Dermatologo Tricologo Milano

I cosiddetti “problemi di capelli” sono per molti un dramma quotidiano. Ve ne sono di vario tipo e di diversa entità. Molte di queste patologie sono comunque risolvibili con trattamenti mirati. Alcune possono comunque essere controllate attenuandone notevolmente la sintomatologia.
Il dermatologo tricologo a Milano Dr. Morelli è un’eccellenza della dermatologia italiana e cura quotidianamente malattie del cuoio capelluto con successo e con un numero limitato di sedute.
Ecco elencate alcune delle patologie tricologiche più frequenti tra i nostri pazienti:

L’alopecia androgenetica

E’ più comunemente chiamata calvizie. Si tratta della patologia più diffusa, sia negli uomini che nelle donne. Solitamente si manifesta nell’uomo con un progressivo diradamento dei capelli localizzato. La donna ha invece una dispersione più omogenea. E’ possibile affrontare il trattamento sia a livello farmacologico che chirurgico. Contrariamente a quello che alcuni pensano, l’alopecia androgenetica non si trasmette geneticamente.

L’alopecia areata

Sebbene possa mostrare sintomi esteticamente poco rassicuranti, l’alopecia il più delle volte si risolve autonomamente. Solo nell’1% dei casi la malattia degenera estendendosi per tutto il cuoio capelluto. Generalmente si manifesta con un diradamento a chiazze sparse in modo disomogeneo. Esistono comunque delle terapie locali e generali volte a placarne gli effetti veramente inestetici ed a ottenere la guarigione, in molti casi.

Asteatosi

Non è altro che una delle conseguenze dirette della disidratazione. L’asteatosi è dovuta quindi alla secchezza della cute. L’uso di lozioni troppo alcoliche o l’abuso, ad esempio, del phon nell’asciugatura dei capelli può essere causa scatenante. La cute è molto sensibile e deve sempre avere una percentuale di grasso. E’ perciò sconsigliato l’utilizzo di shampo sgrassanti o alcalini perché una pelle troppo secca tenderà sicuramente a squamarsi e lacerarsi, lasciando però libero accesso ad agenti patogeni. Quindi alle infezioni.

Forfora

La cute e la pelle in generale, ha un processo continuo e lento di rinnovo. La forforanon è altro che un insieme di cellule ormai morte che si staccano dalla cute a causa di un insolitamente veloce rinnovamento della pelle. E’ una malattia che si può facilmente controllare grazie a lozioni specifiche. Tra le cause scatenanti troviamo lo stress, problemi metabolici e lavaggi troppo frequenti o troppo diradati.

Ipersecrezione sebacea

Questo tipo di disturbo coinvolge le ghiandole sebacee e la loro eccessiva o alterata produzione di sebo.
Il sebo, in condizioni normali, è una sostanza grassa che protegge la cute dalla disidratazione e svolge una funzione antibatterica, ma, quando viene prodotto in eccesso , si verifica un’alterazione dell’equilibrio idro-lipidico della cute con conseguenze che vanno da semplici inestetismi, al prurito ed alla caduta di capelli; dall’acne, alla formazione di comedoni o alla follicolite.

Dermatite seborroica

Si tratta di una patologia molto diffusa, specialmente nella zona del cuoio capelluto, in cui le ghiandole sebacee iniziano a produrre più sebo del normale. Il sintomo più evidente e fastidioso della dermatite seborroica è, come spesso accade, il prurito. Il responsabile è spesso un fungo che riduce in squame la pelle contagiata, vive come nostro ospite, ma può diventare patogeno in alcune condizioni favorevoli. Spesso questo sintomo si associa a reazioni cutanee come follicolite ed eritema. Fattori che possono interferire sono genetici, ambientali e stagionali, sicuramente lo stress la peggiora notevolmente.

Seborrea

Anche nella seborrea troviamo un eccesso di produzione di sebo da parte delle ghiandole sebacee. In situazioni normali, il sebo è utile al capello in quanto funge da protezione. Nella seborrea, il sebo in eccesso rende unti i capelli e tappa materialmente i follicoli, impedendogli la traspirazione. La predisposizione genetica, gli aspetti emotivi e l’utilizzo di prodotti non adeguati e possono esserne la causa.

Psoriasi

La psoriasi è una patologia non infettiva, né contagiosa ma decisamente fastidiosa e duratura. Si manifesta con un ispessimento della pelle e alcune lesioni squamose di colore bianco.
Le zone maggiormente interessate sono il cuoio capelluto, i gomiti, le ginocchia e la zona inguino-sacrale.
Tra le cause scatenanti di questa infiammazione troviamo un imperfetto funzionamento del sistema immunitario che può colpire i tessuti sani, scambiandoli per ostili.
Si stima che la psoriasi colpisca in modo più o meno grave, circa 3 milioni di italiani. Gran parte dei quali dovrà convivere per tutta la vita con la patologia, tra alti e bassi. Si tratta infatti di una malattia cronica. Esistono oggi farmaci efficaci che possono comunque controllarla bene.

Lo studio del dermatologo tricologo di Milano, Massimo Morelli, diagnostica e cura con successo patologie come quelle sopra descritte. Usa il form sottostante per richiedere un appuntamento o un consulto online gratuito e senza impegno.